Non è mai troppo tardi per realizzare i Sogni nel cassetto – #pensapulito

sogni nel cassetto

Ci ho provato ed ecco perché penso che non sia mai troppo tardi per realizzare i sogni nel cassetto …

Qual è il vostro sogno nel cassetto?

Io da bambina sognavo di fare la ballerina, ma l’amara veritá è che sono portata per la danza quanto un palo della luce e quel sogno obiettivamente non si sarebbe mai potuto realizzare.
Sognavo anche che avrei fatto la studiosa e avrei insegnato e per qualche anno ho fatto entrambe le cose (non in Africa, come immaginavo a sei anni, ma ne sono stata felice lo stesso).

Da adolescente ho sognato che il bassista dei Duran Duran sarebbe saltato giù dal palco per dichiararmi eterno amore. Ma non sono mai stata ad un loro concerto e a voler essere onesta credo di aver fatto un favore al mio amor proprio.

Poi ci sono stati i sogni per cui ho sudato e lavorato: la ricerca, il dottorato, la mia prima casa, un nuovo lavoro da inventare da zero, …

Alcuni si sono infranti e qualche volta c’è voluto un po’ ad incollare i cocci, farsene una ragione e capire che sarebbero comunque  serviti a nuovi sogni.

Quando questo ha cominciato ad accadere, quando ho cominciato a pensare che forse avevo sbagliato sogno o che i sogni talvolta sono fragili, come gli amori e le amicizie, un po’ alla volta i sogni si sono diradati e io non me ne sono nemmeno accorta.
Così, passati tra le dita …

Ma i sogni realizzati erano anche loro sogni nel cassetto

E ci sono stati i sogni realizzati mettendo mattoncino su mattoncino ogni giorno.

C’è stato il principe.
Non proprio azzurro azzurro, perché quando è arrivato io ero già grande abbastanza per sapere che un blu denim un po’ slavato ma comodo da indossare tutti i giorni può essere meglio di un azzurro abbagliante che stinge al primo lavaggio.

Poi è arrivata Cos. Quando non me l’aspettavo più.

Forse era il più grande dei miei sogni, così grande che non me lo confessavo nemmeno.
E in qualche modo una parte di vita si è compiuta.

Un figlio chiude un ciclo.  E cominci a sognare per lui.

Che possa avere e fare tutto quello che tu avresti voluto e anche di più.
Ma soprattutto che possa realizzare tutto quello che LUI desidera per sé.
I suoi traguardi diventano i tuoi, i suoi desideri anche.

Sogni nel cassetto: mai smettere di farne

“E i tuoi sogni?” 

Non è capitato anche a voi, ogni tanto, di sentirvi un po’ spettatori in tribuna?
A me si.

Mi sono trovata a chiedermi “E i miei sogni che fine hanno fatto?”
E mi è sembrato di non averne più le tasche piene e che fossero rimasti solo spiccioli, poca cosa.
Mi sbagliavo.
Poco tempo fa è accaduto qualcosa che mi ha dimostrato che

Non è mai troppo tardi per realizzare i sogni nel cassetto

Cos ama cantare ed è un animale da palcoscenico.
Mi ha detto che non voleva più andare a nuoto perché le insegnavano a nuotare (ma pensa!) e che invece avrebbe tanto voluto prendere lezioni di canto.

Per me è stato un colpo.
Io canto da sempre. Mi emoziona da morire e ho sempre pensato che il mio desiderio più grande sarebbe stato saper cantare davvero.
Non ho mai preso in mano il coraggio per farlo davvero.
Un sogno lasciato nel cassetto per decenni.

Ho aperto il cassetto, ho rispolverato il mio sogno e mi sono iscritta a canto anch’io.
Tre lezioni di vocalizzi e ora si comincia davvero.

Ho scoperto che nel frattempo la mia voce è cambiata. Si è fatta più ampia. Come un ventaglio aperto.
Che posso perfino fare cose con la mia voce che non credevo di poter fare.

Non canterò alla Scala, ma quei lunedì ad ascoltarmi cantare sono per me una conquista grandissima, perché mi hanno fatto riscoprire che tutto è possibile.

Ho capito che i nostri sogni appesi a un chiodo sono lì, sempre lì. Basta prenderli in mano.

E se il tempo, la vita e gli impegni ce li fanno mettere in disparte, non dovremmo mai smettere di farne.
Forse non oggi, ma domani troveremo il modo di tirarli fuori dal cassetto.
Per me è stato come se un sacco di farfalle avessero ripreso a volarmi intorno, perché un sogno tira l’altro.

Ho ricominciato a correre, ho rispolverato un progetto da realizzare con Cos e ho deciso di riempire un quaderno di sogni. Uno per me e uno per lei.
Tra qualche anno magari la faranno sorridere, ma ci saranno anche sogni da voler realizzare, mondi da esplorare, passioni da seguire, progetti da realizzare.

Non è mai troppo tardi per regalarsi un sogno.

Questo post è stato scritto per il progetto Folletto #pensapulito, per promuovere nella vita di tutti i giorni e nei rapporti tra le persone un comportamento corretto, etico, solidale, insomma un modo di pensare pulito, che ci aiuti ad avere un mondo più simile a quello che vorremmo. Ogni mese potete leggere un nuovo post o suggerirmi dei temi. #pensapulito è contagioso!

3 COMMENTI

  • LETIZIA ha detto:

    Ciao Sabina, 🙂 io avevo un sogno nel casetto che puoi e’ andato in frantumi quello di cantare come te ma la mia maestra di canto mi disse che avevo una bella voce e che avevo talento e cosi un giorno il saggio non avrei mai piu’ fatto e cosi io non andai piu.

    • Sabina ha detto:

      Ciao Letizia, quindi se capisco bene hai lasciato il canto? Ma se tu ami cantare continua a farlo per piacere tuo o cerca una maestra che sappia aiutarti a tirare fuori il meglio di te. Credo che l’importante non sia per forza raggiungere chissà quali traguardi, ma seguire i nostri desideri, dare spazio alle cose che amiamo. Dai, riprova. O nel frattempo magari hai scoperto una passione grande per qualche altra cosa? Non mollare! Un abbraccio. Sabina

  • LETIZIA ha detto:

    grazie, Sabina Almomento ho deciso di abbandonarlo il canto e sto cercanto un corso dedicato al fai da te per passa tempo tipo riciclo creativo e’ molto difficile trovalo nella mia citta’ questo corso Sabina sapresti consigliarmi qualche corso creativo nella mia citta’ oppure fare un post dedicato? un bacio! 🙂

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *