Sorpresa, condivisione e gioco. Quanto contano?

Sorpresa condivisione e gioco

Forse ce lo dimentichiamo diventando grandi, ma basta un’occasione per ricordarci quanto contano sorpresa condivisione e gioco. Per i bambini, ma non solo …

Sabato abbiamo partecipato, Io e Cos, ad un evento a sorpresa. Perfetto per due che le sorprese le adorano. E perfetto anche perché, per una volta, all’evento abbiamo partecipato come coppia figlio & genitore (non, come spesso accade, invitata & tassista, che sarei io).

“Portate qualcosa di rosso e luccicante” ci avevano detto e Cos si era messa all’opera ed aveva disegnato una Babba Natale con le trecce e un cappello rosso pieno di glitter, che ancora volano per tutta la casa.

Sorpresa condivisione e gioco disegno

Trotterellando siamo andate al Museo dei Bambini. Entriamo e … boh, dov’è la sorpresa? “Mamma, alza gli occhi!” La sorpresa era sopra le nostre teste. Non il classico albero di Natale da riempire di ninnoli, ma un cielo rosso pieno di giocattoli e disegni, ricordi dei natali passati, bigliettini di auguri per i Natali futuri,…

Abbiamo appeso la nostra Babba Natale salendo su una scaletta e poi riempito il muro dei desideri con un bigliettino d’auguri per tutti, un biglietto per augurare, invece che con una letterina per chiedere.

Sorpresa condivisione e gioco biglietto

La sorpresa l’ha organizzata Kinder Sorpresa (che non è un caso se si chiama così) ed è stato un modo diverso di pensare al Natale, con tante altre coppie F&G, tutti insieme a creare un’installazione volante tutta rossa.
Forse proprio perché l’addobbo era inusuale, ma ci siamo rese conto che quel che è contato quel pomeriggio sono state tre cose: la Sorpresa, la Condivisione e il Gioco.

Tre cose che vorrei poter condividere con mia figlia ogni giorno e che troppo spesso rimando.

Tre cose che sono la vera anima del Natale e del Natale con i bambini.

Così ho deciso che il calendario dell’avvento, che stavo rimandando ogni giorno, andava fatto, perché le sorprese sono importanti.
E ho deciso che l’albero di Natale, che se ne stava impalato e spoglio in mezzo al salotto, andava fatto, ma non di notte, mentre Cos dorme, no, insieme a lei.

Mi sono chiesta cosa ricordo io dei miei Natali e mi rivedo emozionata davanti a un albero che si illumina (allumina, come dice mia figlia), davanti a una scatola di panettone che si trasforma in casco spaziale, davanti a una tombola a cui si gioca tutti insieme: Sorpresa, condivisione e gioco valgono ancora.

Sorpresa condivisione e gioco rosso

Se non avete ancora addobbato l’albero di Natale, provate a farlo così, con ricordi, auguri e desideri.
Racimolate tutto quello che racconta i vostri natali passati: le foto con il naso e le orecchie da renna, le prima scarpine rosse di vostro figlio, i disegni, le vecchie palline rimaste sole, i lavoretti dell asilo che sono finiti in fondo a chissà quale cassetto, le cartoline di auguri degli amici, … l’albero diventa un albero che parla di voi.

E se vi va di giocare insieme con i vostri bambini, qui trovate tanti spunti. Basta inserire l’età del vostro bambino e se volete giocare fuori o dentro casa e poi essere pronti a giocare.E ci sono anche i kit dei laboratori creativi da scaricare e i nuovi appuntamenti a cui potrete partecipare.

Buon gioco!

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *