SOS genitori. Le dritte per affrontare al meglio la scuola

Le dritte per affrontare al meglio la scuola (1)

Photo credit Mothermag. Photo by Maria Del Rio

Scuola materna o Scuola elementare? Per i bambini sono un grande cambiamento, ma basta prepararsi ad aiutarli. Con il sorriso.

Dare consigli ai genitori è sempre difficile, soprattutto quando si tratta di parlare di momenti delicati come quelli che prevedono un grosso cambiamento di status per il bambino.
L’ideale sarebbe poter fornire ad ogni genitore un supporto personalizzato, una lente con cui guardare il proprio figlio, ri-conoscerne i bisogni e poter dare le risposte giuste.
Ci sono però cose preziose e indispensabili che possono valere un po’ per tutti.

Le dritte per affrontare al meglio la scuola materna o il Nido

le dritte per affrontare al meglio la scuola nido

La prima cosa, da ripetere quasi come un mantra è: Abbiate fiducia!

1. Abbiate fiducia in voi stesse, che avete scelto di dare l’opportunità al vostro bambino di frequentare un nido e/o una scuola materna.
Ci avete certamente pensato e riflettuto a lungo, valutando i pro e i contro, magari avete fatto lunghe ricerche o avete seguito l’istinto, sta di fatto che come genitori vi siete detti che un’istituzione educativa è il miglior posto dove far iniziare il cammino extra-familiare al vostro bambino. 

2. Abbiate fiducia nel vostro bambino, che ha tutte le risorse per affrontare il cambiamento e che gli vengono dalle esperienze che ha già vissuto e dal buon lavoro che avete fatto nell’instaurare un legame solido con lui.
A seconda dell’età del bambino, gli esperti educatori che lo accolgono si aspetteranno determinati comportamenti, e state certe che il vostro bambino li metterà in atto. 

3. Abbiate fiducia nella struttura a cui vi siete rivolti che è fatta di professionisti in grado di supportare sia vostro figlio che voi a vivere la nuova esperienza 

Bene, ora il secondo mantra è: Non abbiate fiducia!

1. Non abbiate fiducia nelle vicine di casa che non avete mai frequentato e si precipitano a raccontarvi della tragica esperienza del figlio che è stato impossibile inserire al nido. 

2. Non abbiate fiducia nei parenti lontani che sostengono l’opportunità di far crescere i figli a casa fino a 6 anni. 

3. Non abbiate fiducia nei pediatri catastrofisti che vi faranno sentire madri criminali per aver iscritto il bimbo al nido a 6 mesi. 

Per affrontare al meglio la scuola o del nido, ecco qualche consiglio pratico

le dritte per affrontare al meglio la scuola asilo

Vediamo cosa curare di più durante questi passaggi di vita, diversi per ogni bambino anche a seconda delle esperienze che hanno preceduto l’ingresso al nido o alla scuola: 

1. Nei giorni che precedono l’inizio sarebbe bene che i bambini trascorressero qualche giorno nella propria casa, riprendendo un ritmo di giornata simile a quello dei mesi che seguiranno (per esempio andando a letto presto per svegliarsi riposati). Vi sconsiglio di rientrare dalle vacanze il giorno prima dell’inizio del nido  scuola. Non fareste che aggiungere cambiamento a cambiamento e ciò potrebbe creare qualche difficoltà.

2. I primi giorni della nuova avventura osservate gli eventuali segnali di fatica del vostro bambino. Soprattutto per i piccoli in età di nido può accadere che ci siano risvegli notturni o rifiuti di cibo; non spaventatevi e parlatene con le educatrici, vi aiuteranno a capire che tutto questo fa parte del loro normale percorso di crescita. 

Le due dritte importanti per affrontare al meglio la scuola: ascolto e fiducia

Le dritte per affrontare al meglio la scuola elementare

3. Soprattutto per chi inizia la scuola dell’infanzia, venendo dall’esperienza del nido, può essere importante non sottovalutare il fatto che i bambini vanno accompagnati a capire perché c’è un cambiamento. Hanno bisogno di sentirsi dire che voi capite la loro fatica e che immaginate possano sentire la mancanza delle educatrici del nido e degli amici. Gli direte, rassicurandoli, che anche le sue “vecchie” maestre sentono la sua mancanza e che quando lui vorrà potrete andare insieme a trovarle. 

4. Vi invito a parlare ai bambini anche delle gioie portate da questi passaggi di vita. Comunicate con fiducia le vostre emozioni con parole semplici che escono dal cuore: l’empatia nella relazione con vostro figlio vi permetterà di rafforzare il legame. Va benissimo dire al proprio bambino che anche per voi è difficile separarvi da lui, così come è importante dirgli che siete contente di essere rientrate al lavoro e avete ritrovato una collega simpatica. 

5. Evitate di prendere troppi impegni dopo le ore di scuola e dedicatevi a stare bene con il vostro bambino che sta imparando a conoscere un nuovo mondo sociale; fatevi tante coccole, leggete dei libri o cucinate insieme, trovate il modo giusto per sottolineare che dopo il nido/la scuola, mamma e papà sono presenti.

 

Le dritte per affrontare al meglio la scuola primaria

Le dritte per affrontare al meglio la scuola back to school

Per i bambini che iniziano la scuola primaria è importante creare un rituale che suggelli quello che a tutti gli effetti è uno dei passaggi di vita più importanti.
Il bambino entra nel mondo del dovere e sappiamo tutti che sarà importante tenere alta la motivazione perché il cammino degli studi possa essere appassionante. 

1. Anche per voi vale il consiglio di non rientrare all’ultimo momento dalle vacanze. I bambini amano l’intimità della propria casa, dal ritrovare le proprie cose traggono forza. Date loro modo di raccogliere le idee al sicuro nella propria tana. 

2. Prima dell’inizio della scuola coinvolgeteli nell’acquisto dei materiali necessari, astucci, zaino, etc e proponete loro di passare a salutare le insegnanti della scuola materna. Se la scuola materna fosse disponibile, potrebbe essere un’importante esperienza permettere al vostro bambino di fare da tutor ai più piccoli che iniziano, una sorta di passaggio di consegne che potrebbe gratificare molto i grandi e traghettarli a pieno titolo nell’avventura della primaria. 

3. Il pomeriggio e la sera del primo giorno di scuola, organizzate qualcosa di speciale, magari preparando il loro piatto preferito. 

4. Non assaliteli di domande e ricordatevi che perché un bambino parli spontaneamente con voi deve sentire reciprocità: raccontate voi stessi ai vostri figli come ricordate il primo giorno di scuola e ponetevi in ascolto di quanto avranno voglia di dirvi loro. 

5. Evitate anche di dare un nome alle eventuali difficoltà che i bambini possono incontrare nei primi giorni di scuola e non date subito corso ai dubbi sulla bravura o meno delle nuove maestre. Ci possono essere cose che all’inizio non comprenderete, datevi tempo e tenete a bada l’istinto di protezione: ricordate che state affrontando anche voi un grosso cambiamento e le aspettative degli adulti possono essere facilmente assorbibili dai bambini. 

State in ascolto con la mente e il cuore, raccogliendo quanto vi porta vostro figlio a casa e sostenetelo con fiducia nelle sue capacità di farcela, questa è la cosa migliore che potete fare per supportare qualsiasi cambiamento a qualsiasi età esso avvenga. 

Autore: Cinzia D’Alessandro, fondatrice e Responsabile pedagogico del nido-scuola dell’infanzia La Locomotiva di Momo

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *