La mia guida definitiva all’armadio ideale.


Come fare il check del tuo guardaroba. Come scegliere, tenere, buttare, vendere, organizzare … ecco la guida all’armadio ideale in pochi step.

Possiamo anche rimandare, ma presto o tardi va a finire come con l’albero di Natale: il cambio armadi s’ha da fare e tanto vale farlo bene, trasformando un banale cambio stagione in quello che tutte sogniamo: l’ armadio ideale!

Ho studiato Marie Kondo e tutte le guide di decluttering furbo trovate on line, mediato con la mia allergia all’essenziale e la mia propensione al riciclo (che ben conoscete) ed ecco qui i miei consigli, sempre perfettibili, insieme ai vostri!!!

Armadio ideale: la guida step by step

STEP #1: Io e il mio guardaroba ci somigliamo davvero? 

Facciamo un check delle nostre abitudini e delle necessità attuali

Da sempre io porto soprattutto abiti. Mi è comodo indossare una sola cosa (mai stata una da camicie, né tanto meno tailleur) e il mio armadio trabocca di vestiti.
La mia vita però nel frattempo è cambiata. Lavoro spesso da casa, non più in ufficio e devo trovare soluzioni comode sia per l’appuntamento last minute sia per il mio secondo lavoro di tassista di Cos. In conclusione, indosso più spesso pantaloni  e meno abiti.

Obiettivo: abiti per tutti i giorni si, ma con carattere

Allora ho ripensato al guardaroba mettendo in cima alla lista gli abiti per tutti i giorni. Che non significa banali! Anzi! Significa trovare il pezzo giusto per essere comode ma con stile.
Per esempio per me sono diventati dei must capi come pantaloni palazzo e t shirt stampate, mocassini e bluse femminili. Per correre ad un appuntamento di lavoro sostituisco la T shirt con la blusa, la shopper con una clutch ed è fatta. Ecco, questi sono due outfit perfetti per me! A voi piacciono?

STEP #2: Siamo pratiche: cosa tengo, cosa butto, cosa trasformo? La mia regola del 5

Prendilo come un vero e proprio armadio-detox: libera spazio e riparti leggera!
Svuota tutto! Disponi in pile sul letto i capi divisi per tipo e passa in esame ogni categoria.
Io ho fatto un check del mio armadio e diviso tutto in 5 sacchetti:

  1. gli abiti che mi piacciono ancora ma con cui non mi sento più a mio agio (troppo corti!!!) diventeranno bluse: sacchetto per la sarta.
  2. capi che posso riciclare (jeans da trasformare, maglioni con cui creare cose per la casa, … date un’occhiata ai miei vecchi post e alla foto qui sopra: idea niente male, vero?)
  3. abiti di cui mi ha stancato il colore, oppure capi scuri stinti dai lavaggi. In un caso o nell’altro li tingo con i colori appositi
  4. cose da buttare. Io le porto da H&M, dove i tessuti verranno riciclati e tu ricevi un piccolo buono (io lo regalo a Cos per comprare forcine e simili).
  5. acquisti sbagliati o cose belle mai portate. Le fotografi e le vendi su eBay o sui siti di cui ti ho parlato qui. Io ho appena aperto un profilo Depop. Ci vediamo li?

STEP #3: Armadio ideale: come lo organizzo?

  • Gli abiti con un valore sentimentale da cui mi è proprio impossibile separarmi, li ho riposti con dei sacchetti profumati in una scatola con un bigliettino che ricorda perché li ho conservati. Così ho fatto così, per esempio, con gli abiti più belli dei miei 20 anni, che ho tenuto per Cos.
  • Quelli fuori stagione più voluminosi, come i piumini, le tute da sci &co, li tengo nei sacchi sottovuoto così occupano meno spazio e i maglioni nelle apposite custodie e poi dentro le scatole trasparenti dell’IKEA , tutte con l’etichetta su cui cui scrivo il contenuto.
  • Gli abiti da sera, che uso poco ahimè, sono in custodie etichettate, nell’armadio che frequento meno.

PSSS: se cicchi sui link accedi ad Amazon per trovare custodie e sacchi sottovuoto.

 

Ora, sistemato il nostro armadio di ieri e di oggi, passiamo a quello di domani.

STEP #4: Come voglio essere domani, o “la mia Wish List”


  • Uso Pinterest per raccogliere le idee di stile che mi piacciono, gli outfit da copiare (come questi qui sopra), le foto delle nuove collezioni miei brand preferiti, modi per riciclare qualcosa che non porto da una vita e invece, toh, è tornato di oda, … (il mio board stile è qui, se vuoi curiosare). Unico neo: crea dipendenza!!!

 

  • Altra cosa utile è avere un taccuino (oppure, come faccio io, le note nel telefono) dove segnare i tuoi outfit preferiti per le varie occasioni: quelli che ti risolvono sempre il dilemma “cosa mi metto” e quelli per sentirti bella. Se per esempio il pantalone nero morbido è un vostro must, prima di tutto verificatene lo stato: scucito, liso, rovinato? Ecco il primo acquisto per la nuova stagione!

Ultimissima cosa per la parte “consigli pratici”:  luci.
Sembra una sciocchezza ma a chi di noi non è capitato di andare a tentoni per trovare il maglione giusto e poi accorgersi, alla luce, che era blu e non nero? Per me sono irrinunciabili le lampade led a sensori di movimento da posizionare dentro le ante o nel guardaroba.

Se avete fatto tanto per costruire il vostro armadio ideale mica cadrete sulle luci? E ora veniamo alle vostre ditte!!! Scrivetemele nei commenti qui sotto!

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *