Itinerario a Torino tra mummie e gianduiotti

a Torino con i bambini

Foto Zigzagmom

Itinerario a Torino a misura di bambino, tra antico egizio e storia del cinema, con tappe golose.

Io l’ho sempre trovata un po’ fuori dal mondo, Torino. Perché sembra un po’ Parigi, perché ci si respira un’aria d’altri tempi, perché ti fa venire voglia di metterti un gran cappello a fiori per andare a bere il tè e comprare violette candite in uno dei suoi tanti caffé d’epoca. E io, che nei caffè ci vivrei, la adoro.
Stavolta però l’itinerario non è a misura mia, ma a misura nostra, perché per la prima volta a Torino con me c’è anche Cos.

Eccovi un po’ di dritte per un week end nella nostra ex-capitale che dei fasti di allora conserva tutto, senza una ruga: a Torino con i bambini

Le nostre ventiquattrore torinesi comincia dalla sera, con un aperitivo easy in Piazza 4 Marzo, perfetta perché ci sono tanti baretti e in mezzo uno spazio dove giocano i bambini.
Potete fermarvi a cena qui, da Cianci Piola, osteria tradizionale a prezzi contenuti con salumi e formaggi tipici e gli immancabili tajarin.
Se invece cercate un posto curioso, raggiungete Piazza Castello, salite in taxi e fatevi portare a Le Papille, un nome, una promessa. Ristorante shabby chic con arredi e oggetti in vendita e mini menù Piemonte in versione light (tomino con bagnetto verde o rosso ma senz’aglio, insalata russa fatta in casa, tagliata di Fassona, spaghettoni burro e acciughe). Chiedete un tavolo al piano di sopra, dove sembra di mangiare nel tinello della zia. Il personale è molto più che gentile ed attento ai bambini.
Ora di riposare le vostre gambe, perché domani vi aspetta una bella passeggiata!
Voilà il B&B. Caratteristiche: si trova nel quadrilatero romano, posizione centralissima,  ha 6 camere spaziose, curate ed arredate con gusto, una colazione grandiosa con torte fatte in casa (anche per celiaci!) e, udite, udite, zona gioco attrezzata, scalda biberon, seggiolone e lettino pieghevole a disposizione. Ah, si chiama Magazzini San Domenico.

a Torino con i bambini itinerario di viaggio per famiglie

Foto Zigzagmom: Piazza Castello by night, il Pinguino di Pepino, vini piemontesi a Le Papille, un organetto di Barberia davanti al primo Palazzo del Governo, la Mole Antonelliana e lo script di Psycho in formato gigante al Museo del Cinema.

Dopo il primo caffè della giornata vi verrà voglia di Caffè. Siete nel posto giusto, perché qui per ogni momento della giornata potete scegliere tra i tanti bellissimi caffè storici, ciascuno, a suo tempo, meta di clienti particolari: nel caffè del Progresso andavano i Carbonari, gli artisti al Rondò, Nietzsche sembra non potesse fare a meno del gelato di Fiorio, in Via Po, il preferito da aristocratici, diplomatici e generali. Ci andavano anche Cavour e D’Azeglio e Carlo Alberto, che per essere informato sugli affari di Stato chiedeva ogni mattina “Che cosa si dice al Fiorio?”. Ecco, per merenda non mancate il gelato di  Fiorio (io vi consiglio Zabajone e Gianduia). Di qui è passata la storia, anche del gelato (era l’era ante-Grom)!
Invece per il secondo caffè della mattina potete andare da Platti, in Corso Vittorio Emanuele II, antico caffè nato nel 1875, celebre per i sui cappucci e dolcetti.
O in Piazza San Carlo al Caffè … indovinate un po’ …  San Carlo .
Nato nel 1822  e considerato modernissimo, allora, perché fu il primo locale in Europa ad avere l’illuminazione a gas, nonché quello in cui si discutevano le idee più anticonformiste (motivo per cui venne chiuso più volte). Danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale, oggi potete ammirarlo nuovamente così com’era: una bomboniera.
Oppure andate al Caffè Torino, che nato nel nel 1903, ebbe la sua stagione di gloria soprattutto negli anni ’50, quando qui venivano BB e Walter Chiari e le celebrities dell’epoca lo rendevano così glamourous che anche solo venirci a spiare dalle vetrine era un must.
Ok, ora siete pronti per far visita alle mummie.
Via, ora, al Museo Egizio!
In piena trasformazione (i lavori termineranno nel 2015), vi accoglie comunque con un percorso dal nome “Immortali, l’Arte e i Saperi degli antichi Egizi”.
Quello di Torino è il più antico museo di antichità egizie al mondo, ancor più antico di quello del Cairo e non è un caso se il più grande decifratore dei geroglifici, Monsieur Champollion, disse che «La strada per Menfi e Tebe passa da Torino». Tra sarcofagi e statuette, trascrizioni di geroglifici, letti dall’aria scomoda e gatti sacri, gioielli e parrucche, abiti e resti di cibo di cui le mummie non si sono cibate e molte altre curiosità, è bellissimo anche leggere la storia di come, con quanto lavoro e passione è nato ed è cresciuto questo museo. Non perdetelo. I bambini ne avranno un bel ricordo.
Se a metà mattina vi viene voglia di qualcosa di buono, all’uscita dal Museo c’è Pepino, proprio di fronte a Palazzo Carignano, prima sede del governo d’Italia. Qui si va a mangiare il Pinguino perché è in questa gelateria, gestita dalla stessa famiglia da cinque generazioni, che è nato il gelato ricoperto sullo stecco, nel 1939 Costava 1 lira, allora, e con due lire si andava al cinema e si comprava il gelato!). Gelato da principi e principesse, perché Pepino era il fornitore ufficiale della Casa Reale!
Due salti nel Parco dei Giardini Reali, un tramezzino mitico (ma non a buon mercato) da  Mulassano, sotto i portici di Via Po e poi dirigetevi verso l’Università e quindi andate al Museo del Cinema.
A rendere ancor più curioso questo bellissimo museo il fatto che sia ospitato dentro un edificio piuttosto inusuale, la Mole Antonelliana. Simbolo di Torino, iniziata nel 1863 per essere una sinagoga, e quindi acquistata 15 anni dopo dal Comune di Torino per farne un monumento all’unità nazionale. Nel 1889, quando fu conclusa, era l’edificio in muratura più alto d’Europa e infatti per il suo creatore, l’architetto Antonelli, quello era “un sogno verticale” ( a 90 anni si faceva portare da un ascensore fino in cima per verificare di persona i lavori!).
Quel che è bello di questo museo è che si tocca con mano l’idea del cinema, se ne capisce la storia, dai primi divertenti tentativi di rendere il movimento con qualcosa di simile ai cartoni animati, fino ai film ed agli interpreti che hanno fatto la storia della settima arte. La domenica alle 16.30, poi,  ci sono le attività per famiglie (da prenotare due giorni prima allo 011 8138564011) durante le quali i bambini imparano come si fa il teatro delle ombre, la prima forma di cinema.
Arrivati a fine percorso accomodatevi in poltrona per scegliere che spettacolo guardare, fate uscire i bambini dalla porta attarverso cui è passato Wile Coyote e poi, se volete salutare Torino dall’alto, prendete l’ascensore panoramico messo in funzione nel 1961 per le celebrazioni del Centenario dell’Unità d’Italia.
Ora di lasciare la vecchia Signora? Non prima di aver fatto un salto al Bicerin. In un locale come questo, immutato dal 1763 (!!!), fate uno strappo alla regola e lasciate assaggiare anche ai bambini il mitico bicchierino fatto di cioccolata, caffè e crema di latte. Brindate con un bicérin e portate a casa con voi una scorta adeguata di gianduiotti.

Platti
www.platti.it
Corso Vittorio Emanuele II 72
Torino
Tel +39 011 506 9056
Aperto  tutti i giorni dalle 07.30 alle 21

Le papille
Facebook-Lepapille
Via principi d’Acaja 37
10136 Torino
Tel +39 011 2761875
Aperto Lunedì e  Martedì dalle 11 alle 15 e da Mercoledì a Sabato dalle 10.30 alle 15 e dalle 18 alle 23

Magazzini San Domenico
www.magazzinisandomenico.it
Via San Domenico 21/A
10122 Torino

Fiorio
www.fioriocaffegelateria.it
Via Po 8
10121 Torino
Tel +39 011 817 3225

Caffè San carlo
www.sancarlo.it
Piazza San Carlo 153
Tel +39 011 532586
Aperto dal Lunedì alla Domenica dalle 8 alle 24.

Caffè Torino
www.caffetorino.it
Piazza San Carlo 204
Tel  +39 011 545118

Museo egizio
www.museoegizio.it
Via Accademia delle scienze 6
Aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30
I biglietti si possono acquistare anche on line e costano 7,50 per gli adulti, mentre l’ingresso è gratuito fino a 18 anni e poi costa 3,50 fino ai 25.

Gelateria Pepino
www.gelatipepino.it
Piazza Carignano, 8

Parco dei Giardini Reali
Viale I Maggio
10124 Torino

Mulassano
www.caffemulassano.com
Piazza Castello 15
Tel +39 011 547990

Museo del cinema – Mole antonelliana
www.museodelcinema.it
Via Montebello 20
Tel +39 011 8138 560
Aperto da martedì a venerdì ed anche domenica dalle 9 alle 20 e sabato fino alle 23. Chiuso il lunedì.
Salita della cupola guidata 12 o 16.30
Promozione Famiglia: ingresso al museo al costo di  9 euro per gli adulti e gratuito per i ragazzi fino a 18 anni.

Bicerin
www.bicerin.it
Piazza della Consolata 3
Tel +39 011 4369325
Aperto tutti i giorni tranne il mercoledì dalle 8.30 alle19.30

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *