5 tips + 1 per organizzare i compiti delle vacanze con i bambini

Organizzare i compiti delle vacanze con i bambini e magari renderli piacevoli? Si può! Ecco qualche dritta utile da provare

Per i bambini la definizione “compiti delle vacanze” sembra uno scherzo.
Se sono vacanze perché mai si dovrebbero fare i compiti?  Del resto mamma e papà mica fanno i lavori delle vacanze quando sono al mare!
In effetti, la logica è ineccepibile.
E anche se sui compiti delle vacanze ci sono tanti SE e tanti MA, l’importante sarebbe non andare completamente in letargo per 3 mesi e trovare il modo di rendere piacevoli anche le parentesi sui libri.

E se provassimo a rendere i compiti delle vacanze meno pesanti e addirittura un rimedio anti-noia?
Se c’è chi opta per il “tutto subito” e chi invece si riduce alla maratona dell’ultima settimana, meglio adottare una via di mezzo e qualche dritta utile per organizzare i compiti delle vacanze con i bambini in leggerezza.

5 tips per organizzare i compiti delle vacanze con i bambini

Programmare è fondamentale e farlo insieme a loro è l’ ideale per coinvolgerli e responsabilizzarli.
Io ho lasciato correre i primi giorni di euforia da vacanza, Yuppiiiiii!
e poi ho proceduto così:

Una volta raccolte tutte le indicazioni sui compiti, le ho divise in categorie:

  1. Temi
  2. Libri di narrativa
  3. Pagine da studiare o concetti da ripassare
  4. Esercizi
  5. Tavole artistico/tecniche

Per il punto 1. ho dato a Cos una scatola con un quaderno, stickers, washi tape e altre cose divertenti.
Ha cominciato il suo diario scrapbook, io le stampo via via le foto delle cose che fa (dai campus alla giornata dalla nonna) e lei ci lavora sopra.
Una giornata si scrive in italiano, l’altra in inglese, ma siccome in quel diario può davvero fare quel che vuole, questo compito si sta rivelando davvero divertente e i temi volano via che è una meraviglia!

Per il punto 2. ho stampato la lista dei libri suggeriti e gliel’ho lasciata sul tavolo. Sui titoli su cui aveva qualche dubbio abbiamo letto le recensioni on line e quindi spuntati i “libri si” e domani la accompagnerò in  libreria a comprare quelli che ha scelto.
Le ho insegnato che sulla prima pagina può scrivere la data di inizio e di fine di un libro e per lei è motivante vedere se riesce a battere il suo record (l’alternativa è stabilire un numero minimo di pagine da leggere ogni giorno).

Come organizzare i compiti delle vacanze? Ecco un po’ di idee

 

organizzare i compiti delle vacanze con i bambini wall

Via Pinterest

Valutate la mole di lavoro e la difficoltà per ciascuna di queste e spalmatele su tutti giorni a disposizione, cercando di coinvolgere i bambini con la fantasia: cartelloni, post it colorati, bacheche e to do list da appendere ai muri e personalizzare funzionano!
Quando provate a organizzare i compiti delle vacanze con i bambini ricordate anche che:

  • È meglio approfittare dei momenti di noia o delle lunghissime giornate a casa per portarsi avanti e svolgere i compiti più lunghi e difficili, come gli esercizi di matematica o i temi (un assortimento di penne profumate o divertenti sarà di aiuto).
  • È giusto godersi le settimane in cui anche mamma e papà sono in vacanza e i weekend senza troppo stress da compiti estivi. Perciò sì ai libri e alle letture, ma anche ai compiti su tablet, l’ideale per i lunghi viaggi in macchina (date un’occhiata anche alle App intelligenti). Squadre, fogli A2 e cartellette ingombranti di arte e tecnica invece meglio che rimangano a casa ad aspettarci. Valigie più leggere, bagagliai più liberi e bimbi più rilassati.

Secondo me può anche valere dare l’esempio: tutti noi solitamente abbiamo un periodo molto impegnativo prima delle vacanze. Facciamo notare ai bambini che stiamo cercando di finire il lavoro per poi goderci il tempo libero con loro e magari facciamoci aiutare a scegliere il nostro libro delle vacanze (PSSS: tenete d’occhio il blog; in arrivo tanti consigli di letture sotto l’ombrellone).

  • Al mare, portate le letture di narrativa. Sono l’ideale per il relax sotto l’ombrellone e per passare il tempo (che a loro sembra interminabile) tra pranzo e bagno in mare! Ricordatevi anche che un bel segnalibro può fare miracoli e se la lettura proprio non va giù, mettetevi a leggere anche voi e mostrate quanto vi divertite! Spesso l’emulazione funziona.
  • Quando pianificate i compiti, lasciare un margine di tempo per l’ultima settimane di vacanza: ripassare, imprevisti o semplicemente giorni per ricaricarsi alla grande e magari darsi un premio speciale, che potete decidere prima, come una giornata in un parco divertimenti.
  • A settembre lasciate che la ripresa sia graduale: i giorni prima dell’inizio sono l’ultima occasione per finire quel che manca e per ripassare in vista dei test d’ingresso. Ma la concentrazione va allenata e risvegliata a poco a poco, perciò sono da evitare le studiate di interi pomeriggi nei giorni dopo il rientro!

+ 1 tip per organizzare i compiti delle vacanze con i bambini

Le giornate estive, soprattutto se si è ancora a casa, possono essere molto lunghe e pesanti. Potete dividere la giornata in due momenti, destinare il momento compiti alla mattina per non più un paio d’ore e lasciare spazio al divertimento per il pomeriggio. Meglio se insieme a voi! E se siete a corto di idee per sconfiggere la noia in vacanza potete prendere in prestito le nostre >QUI.

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *